A futura memoria

AbortostampaLa notizia di quanto è avvenuto a Napoli, con l’irruzione della polizia in una sala parto o nei suoi pressi (è una minima differenza, un lieve ritardo nel giungere sul luogo del presunto delitto), non va dimenticata.

Una telefonata “anonima” prospetta un grave reato. La Magistratura interviene immediatamente. La signora che è stata appena sottoposta ad un intervento di interruzione di gravidanza, è interrogata immediatamente dalla Forze dell’Ordine.

Insomma, uno scenario che fa spavento. Un clima da caccia alle streghe. Che diventa sempre più pesante. Come se non fossero bastate le parole pronunciate da Giuliano Ferrara al Tg1: in trent’anni (quelli della legge sull’aborto) si è registrato un miliardo di interventi. Tra le due cifre non c’è legame logico. La legge è italiana, il dato statistico è mondiale. È lecito confondere le idee così, soprattutto nel servizio pubblico?

Ha detto oggi Marco Pannella: “Con la lunga intervista a Giuliano Ferrara in apertura del Tg1 delle ore 20, subito dopo l’intervista a Berlusconi, c’è semplicemente da chiedersi se l’ipotesi di una Marcia su Roma di milioni di persone, di un’alleanza torbida oltre che anti-istituzionale e anti-costituzionale, sia sul punto di esplodere.
La legalità è totalmente negata e con jattanza, oltre che milioni di squadristi, si annunciano una quarantina – non più quattro – di quadrumviri. L’Autorità garante e il partito Rai Tv garantiscono la stessa composizione della maggioranza del periodo 1922 – 1924 – 1929 e seguenti, fino a Salò”.

Riferendosi non al caso della signora napoletana ma al quadro generale della nostra politica, e precisamente al contrasto tra Stato e Chiesa, stamani sulla “Stampa”, Gian Enrico Rusconi chiudeva il suo pezzo scrivendo che “è semplicemente in gioco la nostra fragile e preziosa democrazia”.

La scelta di questa sera di Pier Ferdinando Casini di correre da solo, è la logica conseguenza dell’investitura feudale decretatagli dal cardinal Ruini. Che buone fette della politica cattolica non fossero più tanto vicine al Cavaliere lo aveva dimostrato anche il meeting riminese di CL, lo scorso agosto. Per il quale scrissi un titolo che oggi torna d’attualità: “CL, Silvio addio“.

[Anno III, post n. 48 (425)]


A futura memoriaultima modifica: 2008-02-13T18:55:00+00:00da rimino
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “A futura memoria

  1. Il peggio è che troppa gente sale sui pulpiti con la coscienza sporca e con l’intento di proteggere solo se stesso. Anche la notizia (rim)balzata agli onori della cronaca “mi puzza” tanto di interesse privato.. Ciao, Anna

I commenti sono chiusi.