Calendario Rutelli

Dopo il calendario giuliano e gregoriano, avremo anche quello rutelliano. Per scuola, turismo e tempo libero. Ovviamente non per la politica che, da che mondo è mondo, «ha i suoi tempi», e quindi non può star dietro alle cose normali dei comuni mortali.

Varrà ancora una volta la lezione della vecchia scuola democristiana (che Mastella sogna ogni notte e pare anche da sveglio): d’estate si preparano le grandi svolte, altro che vacanze. Si finge di passare le acque, di prendere il sole, di scalare una vetta. Si sta invece ben piantati con i piedi per terra, per sistemare le povere cose di questo mondo.

Ma non sappiamo perché anche i comuni mortali dovrebbero adattarsi ai ritmi ed ai calendari dei politici, come vorrebbe Rutelli, pensando ad un nuovo turismo impegnato tutto l’anno. D’estate si lavora e d’autunno ci si riposa. M’immagino la mia città, Rimini, che a dicembre vara le notti bianche per rispondere agli ordini ministeriali, e reclamizza le virtù nascoste dei bagni marini in acqua gelata.

Forse sarebbe il caso di pensare a cose più serie. Ne prendo un esempio dai giornali di oggi. Sulla «Stampa» Luca Ricolfi scrive che ci sono tanti incapaci nella pubblica amministrazione, e cita i docenti che «non conoscono o non sanno insegnare la propria materia». Quanta ragione ha Ricolfi. Ci sono insegnanti universitari che sfornano libri copiati o volumi pieni di errori gravissimi. Tutti fanno carriera, nessuno controlla nessuno.

In un’intervista al «Sole-24 ore» il premio Nobel per la chimica Harold Kroto cita il caso di un politico che ha detto: «Gli studi matematici non sono importanti». Aggiunge Kroto: «Credo che questa persona sia un pericoloso idiota».

Forse anche noi siamo circondati da persone che ritengono gli studi matematici non importanti, ma non hanno il coraggio di dirlo. Siccome nessuno può indicarli come pericolosi idioti, mandiamoli in vacanze con il calendario Rutelli, e lasciamo lavorare seriamente anche tutto l’anno le persone perbene.

Calendario Rutelliultima modifica: 2006-09-03T19:09:30+02:00da rimino
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento