Rimini, 1936: nasce il Festival della canzone italiana

A proposito del festival di San Remo.

A Rimini, per il ferragosto del 1936, quello delle picconate di Mussolini all’arco d’Augusto, si organizza al Kursaal il festival della canzone italiana diretto dal maestro Antonio Di Jorio (1890-1981). Un testo dice: «Vorrei toccare le tue coscette fresche…». Non piace, è poco virile, per niente militarista.
Valfredo Montanari raccontò a Gianni Bezzi («il Resto del Carlino», 13.2.1962): «Il vero successo si ottenne l’anno successivo. Il 5 agosto 1937, cinquemila persone affollarono il parco del Kursaal» che non era soltanto «il più raffinato edificio della città» ma anche uno dei ‘personaggi’ che «diedero la loro impronta, la loro voce, il loro spirito alla storia di una marina che accolse gente di ogni Paese».
Come ogni bella idea riminese, non va avanti. Per il festival, nel dopoguerra ad imitarci ci pensa Sanremo. Dove (1951) si sente un “Grazie dei fior”. Rivolto a Rimini?
A proposito del Kursaal. La storia della ricostruzione nel dopoguerra, a Rimini comincia con una demolizione. Sembra paradossale, ma è la semplice verità. Il Kursaal fu la vittima designata e quasi sacrificale del nuovo corso politico che si voleva dare alla nostra città.
La demolizione del Kursaal è decisa il 13 marzo 1948, dal Consiglio comunale riunito in convocazione straordinaria ed urgente. Il sindaco ing. Cesare Bianchini (pci) dirige i lavori, a cui assistono 28 dei 40 consiglieri eletti. Soltanto pci e psi sono favorevoli, esprimendo i 18 voti con cui passa la delibera: i due gruppi in Consiglio contano però 27 componenti. Quindi, nove di loro non sono presenti alla seduta. Tutto cià risulta da una ricerca compiuta dall’arch. Oscar Mussoni, come leggo in un mio articolo apparso sul “Ponte” n. 1 del 1992.

Sul tema rimando a quest’altra pagina, apparsa sul “Ponte” il 26.03.1989:
1936. Non eran solo canzonette.

Rimini, 1936: nasce il Festival della canzone italianaultima modifica: 2017-02-11T16:05:41+00:00da rimino
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento