Famiglia killer/2

Il giorno 11 ho inserito il post «Famiglia killer».
Ieri (12) su «Liberazione» in prima pagina campeggiava un «Famiglia assassina» che ha scandalizzato tutti o quasi. Lo apprendo dal «Corriere della Sera» odierno.
Quando ho usato il termine killer non volevo disprezzare la famiglia. Semplicemente indicare certe patologie sulle quali non si ferma nessuno a discutere come se il nostro fosse il migliore dei mondi possibili.
Una cosa è la fisiologia, un’altra la patologia. Questo è il sugo del discorso. Semplice, ovvio, ma fonte di profondo turbamento. Perché?

Ripubblico il post del giorno 11 maggio.

Famiglia killer

Famiglie_01Vabbé, mi risponderete che si tratta soltanto di cronaca nera.
Sì, ma nella cronaca nera c’è la proiezione di una buona fetta della nostra società.
Un padre che vende la figlia per una birra, e nessuno fa nulla, mentre in tanti sapevano. E poi delitto dopo delitto, vien da pensare provocatoriamente che pure la famiglia sia un killer. Un temibile killer.
Allora, lasciamo da parte la provocazione. E diciamo che tutti siamo per la famiglia, che tutti siamo per il trionfo del bene, ma che alla fine però certe famiglie non funzionano, oppure che non rientrano negli schemi ereditati dal passato.
A questo punto come la mettiamo?
Tanti anni fa non c’era il divorzio, e la donna era la parte soccombente, indifesa. Tanti anni prima dell’introduzione del divorzio, soltanto la donna poteva essere denunciata per adulterio, l’uomo no.
Dunque le idee sulla famiglia lungo il Novecento italiano sono cambiate. Le situazioni personali, reali, pure.
Ciò che una volta si teneva nascosto per paura di scandali, adesso viene alla luce del sole.
E allora di quale famiglia vogliamo parlare? Di quella che funziona (sono sposato da 40 anni, io)? O di quella che non funziona per tanti motivi: dall’adulterio alle violenze a danno dei suoi componenti?
È meglio partire da slogan politici o da un esame dei problemi reali della gente?
Ma oggi diventa terribilmente difficile discutere di tutto, anche delle cose semplici che fanno parte della vita quotidiana di tutti, perché poi viene fuori qualcuno a dire cose terribili. Leggete il Gramellini di oggi.

 

Famiglia killer/2ultima modifica: 2007-05-13T18:15:52+00:00da rimino
Reposta per primo quest’articolo