Elisa saluta e va in Giunta

Con una lunga lettera, Elisa Marchioni saluta le redazioni di tv, radio ed internet.

E se ne esce con una bella battuta: «In giunta, sono considerata ‘in quota’ al mondo cattolico, più che a una coalizione».
Bella battuta, perché crediamo sia la prima volta che si pone il «mondo cattolico» come una parte politica ovviamente al di sopra delle parti e dei partiti. Smentendo la storia più recente sul pluralismo dei cattolici in politica. Che non vuol dire che un cattolico li rappresenta tutti.

Pia illusione. Distinguiamo sempre tra Cesare e Dio. E sa Elisa quanti partiti si dichiarano cattolici, oggi in Italia? E poi che cosa intende sostenere, che se avesse vinto il centro-destra sarebbe andata benissimo ugualmente in Giunta?

Le scelte dovrebbe essere chiare. E nette.

Elisa scrive anche: «Non sono mai stata iscritta né vicina ad alcun partito, e più che interrogarmi sul centro-destra o sul centro-sinistra, alla proposta di un impegno in giunta, mi sono chiesta se mi sentivo di tirarmi indietro davanti all’opportunità di operare, da un altro punto di vista rispetto a prima, per le persone e la città».

Cara Elisa, bisogna interrogarsi sulle differenze fra centro-destra e centro-sinistra. Tutto il resto viene dopo.

Capisco la voglia di non scontentare nessuno (la galassia cattolica è infinita). Ma le differenze sono talemente evidenti che se ne parla tantissimo anche a proposito del prossimo referendum…

Elisa saluta e va in Giuntaultima modifica: 2006-06-20T16:07:33+00:00da rimino
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento